Ansia e preoccupazione

Oggi mi stanno assalendo tutte le preoccupazioni del mondo…

Abbiamo ancora una sola entrata, la mia, che non è affatto granché, il lavoro di Sara non ingrana (Barcellona rimane un mercato complicatissimo se ci sei nato, figuriamoci se ci sei arrivata fresca fresca da pochi anni): si propone, cerca in giro per il mondo posti in cui andare a fare una stagione, per imparare, crescere, ma ancora nulla di concreto e qui, se non conosci persone o non hai una maledetta “cartera clientes” solo porte in faccia.

Non abbiamo una casa, non ce la possiamo permettere, ancora condividiamo. Ci siamo iscritte alle liste per una casa sociale, ma le persone che ne fanno richiesta sono migliaia e le case davvero pochissime…

Sta mattina ho pensato “ma cosa avevo in mente???” e poi tanta, tanta paura…Sono un’incosciente?

Vorrei solo poter smettere di pensare, visto che non ho nessuno zio d’America che possa schiattare e sollevarmi dalle spalle questo fardello.

Vorrei soluzioni. Vorrei, vorrei, vorrei…

Annunci

Sonno, sempre sonno

I giorni passano, e il sonno ha deciso di diventare una ingombrante presenza fissa delle mie giornate. Niente nausee, niente fastidi particolari, tranne dolori all’addome e giramenti di testa saltuari, ma la stanchezza…oooh, la stanchezza!

Sono al lavoro e mi si chiudono gli occhi, torno a casa e non ho voglia di mangiare,vorrei solo dormire. Faccio un pisolino prima di cena e ho già le palpebre che si fanno pesanti appena poso la forchetta…

A proposito…Zzz…

30

30 giorni dalle ultime mestruazioni.

Dopo le perdite di tre giorni fa più nulla.

Domani mattina farò il secondo test, anche se fino ad ora mi sono limitata ad attendere l’arrivo del ciclo.

Mi sento strana.

Il danno dell’odio

Sono arrivati altri messaggi, questa volta a me. Non li ho ascoltati, ho chiesto a Sara di farlo…ero sul lavoro.

Tremavo dal timore e dalla rabbia…altri insulti altre molestie verbali. Ho bloccato questa persona…Sara ha fatto lo stesso, ma mi sono sentita moto male durante tutto il giorno.

Oggi poi, mentre ero al lavoro sono andata in bagno e…la carta era macchiata di rosa…

Avrei dovuto fare il test di gravidanza domani, ma non ce l’ho fatta…l’ho fatto oggi e il risultato è stato negativo.

Ora attendo che mi arrivi il ciclo per chiamare la dottoressa…si ricomincia.

Non ho versato lacrime. Non posso.

Ma di rabbia, quella sì, ne ho molta, ne ho da vendere…

Sonno

Non vedevo l’ora di tornare a casa…ero sfinita.

Mi sono addormentata, senza cenare.

WW

Ed ora qui, occhi spalancati, a guardare con Sara il finale di serie di Breaking Bad.

-5 giorni alle novità. Ho un pochino di paura…

Nausea

Nausea nausea, tanta nausea…maledetto progesterone.

Mi arrotolo nella coperta sul divano e aspetto si calmi…
Domani è venerdì…e poi un paio di giorni di tranquillità, in cui non dover tenere duro per forza.

Dal primo gennaio io e i miei colleghi avremmo dovuto iniziare a lavorare da casa, ma problemi tecnici da una parte e poca sollecitudine nel richiedere una risoluzione da chi di dovere e noi ci troviamo ancora qui, in attesa.
Mi mancherà vedere tutti i giorni i miei colleghi, che adoro, ma è un passo molto utile per me, per il futuro, quindi lo accolgo con gratitudine.

E adesso torno a rotolarmi come un “grosso maritozzo imbottito di panna” (Minuto 0:48)