Donne che Emigrano all’Estero

Donne che Emigrano All’Estero è un progetto intrigante, nato come una pagina Facebook e che ha raccolto dentro di sè l’anima e le storie di decine di donne espatriate in tutte le parti del mondo: racconti di vita, di abitudini, di società e culture differenti, storie che in un modo o nell’altro accomunano chi per amore, lavoro, sogno o necessità si è allontanato dalla sua terra d’origine.
Donne coraggiose, tra cui, senza falsa modestia, mi inserisco anche io di diritto, donne con la voglia di stimolare i lettori italiani a guardare più spesso oltre i propri confini perchè scuotere le proprie sicurezze e conoscere il diverso non possono che essere costante e certa fonte di arricchimento.

Donne che Emigrano all’Estero è un progetto a cui ho aderito con entusiasmo, e, come tutte le partecipanti, ho permesso si inserisse negli spicchi di vita che ho ritagliato dalla mia quotidianità appositamente per lui.

Dalle nostre storie è nato un libro, disponibile ora in versione digitale su molti siti tra cui Amazon

Mi auguro possiate decidere di comprarlo e/o regalarlo e che vi dia la voglia di partire e conoscere, che vi stimoli il desiderio di caricarvi delle immagini vivide che solo un viaggio può regalare. E se poi deciderete di fermarvi…benvenute tra noi donne expat!

Copertina LibroFateci visita anche sul nostro blog appena nato: http://donnecheemigranoallestero.com/

Annunci

Pause temporali

Alla guida della mia vita talvolta sembra che ci siamo un autista alle prime armi, su una splendida macchina a cambio manuale.

Accellerate repentine e frenate da colpo di frusta: sembra che questo balordo non sappia dosare la forza propulsiva e rischi, tra un sobbalzo e l’altro, di farla spegnere.

La mia vita è ben lontana da tutto ciò che con fatica avevo tentato di costruirmi, almeno sul piano professionale.
Ora vivo della luce riflessa dei successi di Sara e attendo che arrivi il mio momento, senza mai smettere di guardarmi attorno, pronta a non perdere neanche un treno, ma con la sensazione, ormai sempre così familiare, di essere in ritardo su tutto e di aspettare, vestita con i miei abiti preferiti e i bagagli di una vita, in prossimità di un binario morto..