6 mesi in 5 minuti

6 mesi fa il nostro trasferimento a Londra e da allora…

Amici di vecchia data ritrovati e persi di nuovo
Amici nuovi che ti ospitano per un mese per il solo fatto che “ci piacete” (gratitudine a valanga. V.A.L.A.N.G.A.)
Il NIN, il conto in banca e la burocrazia facile
La prima febbre a 39 e spingi (e deliri e “Mamma dove sei”-….!!!??? o_O-)
Fare le turiste per un po’
La casa nuova, piccina e bella bellissima
Iniziare finalmente il nuovo lavoro con tutte le paure e incertezze (e crisi di panico, e pianti, e “no, ma io non ce la faccio sicuro” con Sara che mi accarezza il capino) connesse
Cani, tanti cani, branchi di cani
Sara e le sue ricerche di lavoro
Il suo, di nuovo lavoro
Lo stringere la cinghia fino a non respirare
Le sveglie sempre poco dopo le 6
Le prime litigate vere
I primi “far la pace” veri
L’approvazione della legge sul Same Sex Couple Marriage
Il desiderio di realizzare finalmente uno dei nostri sogni infranto contro conti quasi perennemente se non in rosso, in arancione scuro
La frenesia della città
Il capire dove vogliamo che il vento ci porti
L’estate più lunga dal ’53 (o un anno qualsiasi così lontano da renderla speciale)
I primi freddi
I primi guai tra coinquilini
Le prime amicizie di vecchia data infrante sugli scogli dell’assenza di tatto(e educazione, e buon senso, e coraggio)
Le prime nostalgie
Amore, tanto amore
Il primo London Gay Pride
Il primo (e fino ad ora ahimè unico) Short Brake lontane da tutto, nelle campagne del South West
L’e-mail ai miei sul tema “Sara è con me e ci amiamo”
La reazione sorprendentemente pacata dei miei a base di “Se sei serena tu, noi non approviamo ma ti siamo accanto” (che ora ho smesso da un pochetto di sollevare una o entrambe le sopracciglia al pensiero, ma…no…sul serio…è stato sconvolgente e spettacolare)
Il ritorno nell’oblio del tema “Sara è con me e ci amiamo”, da 5 minuti dopo ad oggi (mentre io, inarrestabile, punzecchio in continuazione per tener viva l’attenzione “Oggi vado a prendere SARA al lavoro”, “Sto aspettando SAAARA per cenare”, “SAAAAAAAAAAARA ed io siamo andate ad un Festival di musica che chettelodicoaffare” ricevendo in genere tipici sorrisi da faccio-cadere-l’argomento come risposta) -non mi arrendo-
L’uragano Giuda
I primi freddi
Inesorabile la prima influenza autunnale (no, ma, onestamente, io ce li ho gli anticorpi???)

Mille altri piccoli grandi avvenimenti, posti visitati, stress, volti nuovi, nervosismi, pasti frettolosi, ristorantini a buon prezzo, abbracci, tanti abbracci, e baci, tempeste di baci

E ancora:
La sicurezza delle braccia di chi amo nelle quali rannicchiarmi tra le coperte del letto
Il dormire aggrovigliate
I mesi insieme che si moltiplicano
La consapevolezza della fortuna enorme avuta nell’incontrarci e darci questa opportunità. E credere in noi e lottare e continuare a farlo, ogni giorno, a testa altissima.

Ogni mattina mi sveglio con lei accanto
Ho le sue parole sagge a rassicurarmi quando vacillo
La sua “stupidera delle 9” a rallegrarmi anche le giornate più dure
Il profumo e il sapore della sua pelle a ricordarmi che non è un sogno
La sua anima nobile di cui aver cura
E il suo corpo meraviglioso da stringere ogni volta che posso :3 EHEHEHEHEHEH!

Non è facile, mai nulla lo è stato, ma…

ECCOCI QUI. A vivere il nostro futuro.

Ed è davvero solo l’inizio dell’avventura!

Immagine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...